Merci pericolose in quantità limitate: tutte le regole da seguire

È una delle tipologie di spedizione più utilizzate via terra ADR, via ferrovia RID, via interna navigabile ADN e via mare IMDG. Eppure, la spedizione di merci pericolose in “Quantità Limitate” è spesso soggetta a dimenticanze che la rendono non conforme. I prodotti spediti in questa modalità rimangono infatti merci pericolose per il trasporto a tutti gli effetti e vanno gestiti come tali, se necessario richiedendo il supporto di specialisti del settore, come Serpac.
Spedire in sicurezza merci pericolose in imballaggi non omologati è possibile ma solo in alcuni e ben definiti casi. Uno di questi è la “Quantità Limitata”, definita dal capitolo 2.7 dello IATA e dal capitolo 3.4 dell’ ADR, RID, ADN e IMDG. Se questa tipologia semplifica alcuni aspetti della spedizione, impone comunque delle modalità di imballaggio definite perché venga riconosciuta come conforme. 
Ad esempio, l’applicazione del solo marchio di “Quantità Limitate” non rende automaticamente una spedizione conforme o sicura. Che sia via strada, ferrovia, interna navigabile, mare o aerea, è fondamentale affrontare nella maniera corretta la preparazione di una spedizione come anche la sua segnalazione tramite appositi marchi ed etichette. Vediamo come, anche grazie al contributo di Serpac


 
MARCHIO LQ IN DIMENSIONE RIDOTTA: ATTENZIONE ALLE INDICAZIONI UFFICIALI
È possibile apporre un marchio LQ ridotto per non coprire un logo o perché è perfetto per tutte le dimensioni delle scatole?
«Queste motivazioni non sono né ammesse dai regolamenti, né tantomeno accettate o condivise da chi controlla, infligge le sanzioni e ferma le spedizioni», chiarisce subito Serpac.
La dimensione corretta del marchio LQ è 100x100mm, che può essere ridotta a 50x50mm solo se le dimensioni del collo non ne permettono l’affissione. Infine, il marchio non può essere ruotato, ma deve essere applicato a forma di losanga / rombo.


 
LA SCATOLA: NON UNA QUALSIASI
Le spedizioni in “Quantità Limitate” avvengono soprattutto in scatole di cartone, ma è richiesto che queste scatole siano studiate e costruite con la stessa procedura di un imballaggio omologato, senza l’obbligo dei test di omologazione ONU. Per minimizzare rischi e responsabilità è necessario che i fornitori delle scatole per LQ forniscano una dichiarazione di conformità e di valutazione d’insieme: alcuni produttori, come Serpac, dichiarano il tutto già in fase di preventivo. Ricordate, un imballaggio qualsiasi se non costruito secondo le disposizioni di costruzione definite dai regolamenti potrebbe non essere idoneo per la spedizione in Quantità Limitate.


 
I TEST SE SI SPEDISCE VIA AEREA
Scatole, marchi ed etichette non bastano ancora per la spedizione via aerea IATA: la conformità dell’imballaggio deve essere verificata con un test di caduta da 1,2 metri e un test di impilamento a 3m per 24 ore ed il tutto deve essere documentato ed archiviato in modo da poter essere esibito in caso di richiesta da parte delle autorità.
Il primo test, quello di caduta, deve essere effettuato sul collo pronto per la spedizione per ogni differente combinazione di imballaggi interni il secondo deve essere eseguito sempre mettendo a verifica il peso maggiore tra le varie combinazioni testate. 


Gallery